20 dicembre 2013

gioca col mosaico

Un semplice gioco per trasformare un'immagine in un mosaico

" Crea, fotografa o scansiona un tuo disegno o un'immagine con i colori e le caratteristiche naturali del paesaggio che ti circonda, del tuo paese o della tua città. Per trasformare la superficie in mosaico, l’immagine che hai scelto dovrà avere zone dello stesso colore abbastanza ampie, ed è meglio che non ci siano particolari troppo piccoli! Carica l'immagine utilizzando il pulsante "Upload": in un attimo verrà adattata e posizionata nel riquadro sotto. Ti abbiamo detto tutto! Ora sei pronto per trasformare la tua opera in mosaico: non ti resta che applicare i “filtri colore” e scegliere il risultato che ti piace e che ti rappresenta di più. Buon divertimento, piccolo artista! "

http://ovs.preview.develon.com/system/uploads/image/data/9626/NEWS-KIDS-CREATIVE-LAB.jpg
clicca sull'immagine







09 dicembre 2013

libri per Natale

piccola sorpresa



Una tenera storia di Natale: il berretto del signor Melcher che, per un colpo di vento, vola via e, inseguito da una parte all'altra della città, diventa l'occasione per la nascita di una nuova amicizia.


piccola sorpresa


 


E poi in un piccolo paese, dove la gente sorride poco, un misterioso pacchetto rosso gira di mano in mano come dono di Natale. Nessuno sa cosa c'è dentro, ma di sicuro riesce a portare del bene a tutti.




06 dicembre 2013

 Credo che i bambini nel mondo debbano essere liberi di crescere e diventare adulti, in salute, pace e dignità.

                                                                                                                             Nelson Mandela 

05 dicembre 2013

Un bel riccio...impaurito!

Una mattina della scorsa settimana, il nostro  amico Cristian ha trovato un riccio sotto le foglie e lo ha portato a scuola per farcelo vedere.
Cristian indossava dei guanti grossi perchè altrimenti  si pungeva con gli aculei del riccio che era molto impaurito: il suo cuoricino batteva fortissimo!!
Appena lo abbiamo visto, era tutto appallottolato su se stesso; poi un po' alla volta si è tranquillizzato,  ha sentito il calore dell'ambiente e si è aperto un pochino lasciando uscire il suo musetto allungato e la sua zampina sinistra, mostrandoci degli artigli  affilati .
Il riccio era tutto ricoperto di aculei  di colore marroncino chiaro e scuro fuorchè le zampe e il muso. Era molto carino!
Alla fine Cristian l'ha lasciato libero nel cortile della  nostra scuola così abbiamo potuto vedere che camminava piano piano per cercare un riparo in mezzo ai cespugli.

Manuel, Braulio, Aurora, Gioia, Samuel, Rebecca, Laura, Simone, Deborah, Alberto, Nicola e Andrea